Imposta di registro e trasferimenti nelle separazioni e divorzi. L'art. 19, L….

Imposta di registro e trasferimenti nelle separazioni e divorzi.

L’art. 19, L. 74/1987, prevede la completa esenzione per tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi al procedimento di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio) e ai procedimenti anche esecutivi e cautelari diretti ad ottenere la corresponsione o la revisione dell’assegno di divorzio, nonché dell’assegno di mantenimento ai figli (determinato sempre nell’ambito di un giudizio di divorzio).

Dopo, però, più di 25 anni di onorato servizio, questa norma è stata messa in discussione dall’art. 26 del D.L. 104/2013, convertito nella L. 128/2014, modificando l’art. 10 del D.Lgs. 23/2011, oltre a introdurre nuove aliquote per l’imposte di registro, ipotecaria e catastale, ha letteralmente soppresso tutte le esenzioni e le agevolazioni tributarie, anche se previste in leggi speciali, ad eccezione delle agevolazioni concernenti la proprietà contadina.

La Circolare 2/E dell’Agenzia delle Entrate ha confermato che i trasferimenti immobiliari previsti con le separazioni e i divorzi restano esenti.

-* Studio A&P Andreoli e partners *-
Napoli : +39 081 19565656
+39 081 0116366
+39 081 0118530
Fax +39 081 2142772
Roma: Tel +39 06 92936827
Milano: Tel +39 02 87157553