La nuova procedura di pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi La Le…

La nuova procedura di pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi
La Legge n. 162/2014 di conversione del D.l. n. 132/2014 riguarda la nuova procedura per il pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.
L’Ufficiale Giudiziario ha più poteri di ricerca, di fatti è collegato con il PRA (Pubblico Registro Automobilistico) quindi potrà rintracciare con più facilità i veicoli di proprietà del debitore per procedere, inseguito, al pignoramento.
La norma di riferimento è l’art. 521 bis c.p.c. – “Pignoramento e custodia di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi” –
Con l’entrata in vigore di questa norma, il Legislatore dispone che il pignoramento dei veicoli, vale a dire auto, moto e rimorchi si deve eseguire mediante la notifica al debitore di un atto ad hoc.
Una volta notificato il pignoramento, il debitore diviene custode dei beni pignorati e di tutti gli accessori, comprese le pertinenze e i frutti, senza diritto ad alcun compenso.
Scaduto il termine di 10 giorni, se il debitore non adempi alle sue obbligazioni, interverranno gli organi di polizia che una volta accertata la circolazione del bene pignorato, procederanno al ritiro della carta di circolazione, dei titoli e dei documenti di proprietà, nonché a consegnare il bene pignorato all’Istituto Vendite Giudiziarie.