Reato di autoriciclaggio L'introduzione di questo reato è stata necessaria per c…

Reato di autoriciclaggio
L’introduzione di questo reato è stata necessaria per colmare una lacuna normativa del nostro ordinamento, in quanto il delitto di riciclaggio, così come formulato dall’art. 648-bis c.p., punisce chi ricicla denaro, beni o altre utilità provenienti da un delitto non colposo commesso da un altro soggetto, mentre nessuna sanzione era prevista per chi ricicla in prima persona, cioè sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo commesso da lui stesso o che ha concorso a commettere), ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l’identificazione della loro provenienza delittuosa.
Riguardo il trattamento sanzionatorio, il delitto di autoriciclaggio è punito con la reclusione da due a otto anni e con una multa da euro 5.000 a euro 25.000.
Il secondo comma dell’art. 648-ter.1 prevede una circostanza attenuante che comporta l’applicazione della pena della reclusione da uno a quattro anni e la multa da euro 2.500 a euro 12.500 se il delitto presupposto è un delitto non colposo punito con la reclusione inferiore nel massimo a cinque anni.
Tuttavia, se il delitto in questione è stato commesso con modalità mafiose o al fine di agevolare l’attività delle associazioni di tipo mafioso si applicano le pene previste dal primo comma.
Il quinto comma, invece, prevede una circostanza aggravante che comporta l’aumento della pena fino ad un terzo quando i fatti sono commessi nell’esercizio di un’attività bancaria o finanziaria o di altra attività professionale.
Il sesto comma prevede, inoltre, un’altra circostanza attenuante che comporta la diminuzione della pena fino alla metà per colui che si è adoperato per assicurare le prove dell’avvenuto reato e l’individuazione dei beni agevolando la formazione dei provvedimenti del delitto.
In ogni caso, la condanna comporta, ai sensi dell’art. 648-quater c.p., la confisca dei beni che ne costituiscono il prodotto od il profitto.